Competenze Individuali:  cosa sono e come svilupparle.

Concludiamo l’analisi sulle Leadership Competencies con un articolo che approfondisce il tema delle competenze individuali.

Certo, ogni competenza che ti permetta di essere un leader più efficace riguarda te stesso, ma la Leadership Individuale indirizza quell’insieme di conoscenze, capacità e talenti che si raggiungono lavorando sulla propria motivazione, consapevolezza e determinazione.

Tutto questo è importante perché solo quando sei il capitano della tua stessa nave sai guidare i tuoi pensieri e le tue azioni verso l’obiettivo!

E allora, che cosa aspetti per mettere finalmente te stesso al centro della tua leadership e a sviluppare la coscienza di chi sei e di che cosa puoi fare!

Vediamo dunque quali sono le principali Competenze Individuali.

  • Essere disponibili a imparare e re-imparare

Il periodo pandemico che ci ha colpito, e che non ci siamo ancora lasciati alle spalle, ci ha insegnato quanto sia cruciale adattarsi e reagire al cambiamento: descritta anche come learning agility, questa competenza ci aiuta a trovare le strategie più adeguate ad affrontare le rapide e improvvise trasformazioni dell’ambiente e delle situazioni in cui ci troviamo.

Ricorda che il leader non è spaventato dal cambiamento, ma sa coglierlo e sfruttarlo in modo costruttivo. Come? Quando l’ambiente, le condizioni al contorno, le regole del gioco si modificano continuamente, per essere pronti e preparati dobbiamo saper abbandonare la rigidità, la comfort-zone, le abitudini ed essere disposti a imparare e re-imparare.

  • Conoscere l’industria e il mercato

Non smetterò mai di enfatizzare l’importanza della conoscenza dell’industria di riferimento. Non puoi essere un leader per tutte le stagioni! Per quanto bene tu sappia condurre il tuo team, o portare avanti una negoziazione, conoscere il mercato in cui operi è una delle leve imprescindibili per avere un vantaggio competitivo e, alla fine, fare crescere il business di cui ti occupi. E la competenza d’industria rende anche te meglio posizionato per una promozione o nella ricerca di un nuovo lavoro!

  • Sapere gestire se stessi e il proprio tempo

Se vuoi gestire gli altri, devi saper gestire te stesso innanzitutto. È una questione di efficacia, efficienza, ma anche di credibilità. Essere ben organizzato, pianificare le attività, sapere dare la giusta priorità: questi sono gli elementi chiave. E se trovi un buon metodo per farlo, puoi essere d’esempio e guida per i tuoi collaboratori anche in questo. Se vuoi, puoi dare un’occhiata ai miei articoli dei mesi scorsi che indirizzano proprio questi temi:

8 regole per un meeting virtuale produttivo

Time management la gestione del tempo

Time management: no alla procrastinazione

Time management: i ladri di tempo

Time management: imparare a dire no.

  • Dimostrare coraggio nelle decisioni

Un leader prende decisioni. Spesso. Abbiamo trattato l’argomento già un paio di settimane fa, a proposito della paura di perdere il controllo e la capacità di delegare.

Parlando qui di competenze individuali, voglio introdurre nella discussione il tema del rischio, perché spesso decidere vuol dire rischiare e rischiare significa avere il coraggio di farlo. Dovrai sviluppare un tuo modo di avere coraggio, perché prendersi dei rischi NON vuol dire essere scriteriati, ma avere un processo decisionale che ti supporta nel fare le tue scelte. E avere coraggio implica anche essere fermi sui propri principi e difenderli quando necessario. Proprio perché sei un leader.

  • Comportarsi in modo costruttivo e positivo

Gli anglosassoni lo definiscono Organizational Citizenship Behavior (OCB) ed è proprio l’insieme delle azioni costruttive e positive che non sono elencate nella tua job description, ma che volontariamente metti in gioco per aiutare i colleghi e l’organizzazione. Quando metti davanti il bene dell’azienda e non quello della tua unità, cioè fai gioco di squadra; quando dedichi del tempo oltre la giornata lavorativa, per un’iniziativa benefica supportata dalla tua società; quando ti comporti con sportività, usi cortesie e attenzioni verso i colleghi, dimostri senso civico: tutto ciò è Organizational Citizenship Behavior. E ha un effetto positivo sul morale, nel dare significato al lavoro, migliora le interazioni sociali, riduce lo stress e crea un senso di comunità. Pensaci!

Come sviluppare le competenze individuali

Siamo giunti al termine di questa serie di articoli sulla leadership e, come sai ormai molto bene, per passare di livello, è fondamentale progettare un piano di sviluppo delle tue competenze. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Learning Agility: imparare, re-imparare, mettersi in discussione continuamente, questo è l’obiettivo! Trovare nuovi modi per indirizzare i problemi, allargare la propria visione abbracciando tutta l’azienda in una visione olistica. Quando partecipi a progetti che riguardano BU diverse dalla tua, approfittane per capire la prospettiva degli altri, per ampliare il tuo punto di vista oltre i soliti confini: questo è il cross training che ti permette di migliorare, adattarti al cambiamento e sviluppare le tue capacità.

 

  • Industria e mercato: investire in quest’ambito significa studiare e fare ricerca in molti ambiti, quali prodotti, clienti, prezzi, elementi finanziari, tecnologie, fornitori, mercati e best practices. Può sembrare uno sforzo improbo, ma puoi scegliere tra più strade quelle a te più congeniali. Innanzitutto, fai networking: partecipa a conferenze, trade-show, incontri con gli analisti, associazioni professionali. Abbonati e trova il tempo di leggere le principali pubblicazioni del tuo settore. Frequenta professionisti del settore e usali come mentor. Tieniti informato tramite blog e forum, attiva alert su specifici argomenti dalle piattaforme online. Trova e approfondisci un segmento o una nicchia del tuo settore e diventa esperto in quello.

 

  • E, soprattutto, ricorda che quando investi nelle tue conoscenze di business fai crescere te stesso: avere un approccio sistemico all’organizzazione migliora la tua visione strategica, sviluppa il tuo senso critico, ma ti aiuta anche a conoscere i tuoi punti di forza e le aree deboli. Le sfide che incontri, domandarti come modificare il tuo approccio al business, metterti in discussione, ti rende un leader migliore.

 

Coaching per lo sviluppo

Contattami se desideri conoscere meglio te stesso e imparare ad affrontare le diverse dinamiche aziendali che potresti incontrare, e se vuoi imparare a incanalare le tue energie verso il perseguimento dei tuoi obiettivi professionali.